La montanara

Corali Unite "Val Panaro" - Via San Geminiano, 316 - 41052 - Guiglia (MODENA) - ITALY - Tel. 059.989.223 - Fax 178.22.77.904

 

Home
Il coro
Decalogo...
Il Barocco
Tosti, F.P.
Arturo Toscanini
Psicologia e tecnica...
La musica popolare
Adeste fideles
Adeste fideles
Tu scendi dalle stelle
Stille nacht
La montanara
Fratelli d'Italia
Storia della Musica

 

"La montanara" e la leggenda di Soreghina

Toni Ortelli, chi era costui? Nessuno sapeva chi fosse, poi la morte, avvenuta in marzo a 95 anni, l'ha portato agli onori della cronaca.

E giustamente.

E' infatti l'autore del “La montanara”, il canto di montagna più famoso del mondo. Allora le riviste specializzate e anche i quotidiani a tiratura nazionale hanno riscoperto il suo autore, celebrando in lunghi articoli la vita attiva ed impegnata di Ortelli, nonché la storia della sua composizione più importante, divenuta ormai una specie di inno internazionale della montagna (che naturalmente fa parte anche del repertorio del coro CAI).

Che il suo autore fosse praticamente sconosciuto è forse dovuto al fatto che canti come “La montanara”, appunto, o “Signore delle cime”, o “La canzone del Piave” sono talmente radicati nell'immaginario collettivo che sembrano nati per generazione spontanea dall'anima popolare. Invece hanno un loro autore, una data di nascita e una loro storia.

E così abbiamo imparato dai giornali che La Montanara fu ideata nel luglio del 1927 da Ortelli durante un'escursione solitaria al Pian della Mussa. Fu poi messa in musica dallo stesso autore nella famosa "tampa lirica", l'osteria di Torino dove si davano convegno e si esibivano cantori dialettali. Incisa nel 1933 dal Coro della SAT fece il giro del mondo e risuonò persino nell'aula dei Nobel a Stoccolma in rappresentanza dell'Italia in occasione dell'assegnazione del premio Nobel per la letteratura a Salvatore Quasimodo.

Ma chi fosse interessato a questi e altri particolari può trovarli sulle pagine dello Scarpone di maggio.

Da nessuna parte, invece, si trovano commenti sul testo della canzone e in particolare sulla protagonista del canto, Soreghina, la figlia del sol. Siccome questa ci pare una mancanza nei suoi confronti, noi ci proponiamo di raccontare la sua storia, per scoprire come mai è definita "figlia del sol" e per poter apprezzare ancora di più il canto, conoscendone il retroterra leggendario, la prossima volta che lo sentiremo eseguire.

C'era, dunque, una volta una principessa, chiamata Soreghina, la cui vita era legata alla luce del sole. Di notte, infatti, o nei cupi giorni di cattivo tempo, doveva dormire profondamente: le era stato predetto che se si fosse lasciata cogliere ancora sveglia dalla mezzanotte, sarebbe morta all'istante.

Accadde un giorno che il glorioso guerriero Occhio della Notte, scacciato dal regno dei Fanes per aver osato aspirare alla mano della principessa Dolasilla, precipitò da una rupe sopra la vai di Passa e restò a terra privo di sensi. Venne trovato e curato da Soreghina; i due giovani si innamorarono, si sposarono e cominciò per entrambi una vita felice.

Soreghina abitava con Occhio della Notte in una capanna di legno cosparsa di fìor, situata nel punto più soleggiato di una radura di fronte al monte Vernèl. Nell'ora del mezzogiorno Soreghina era più che mai lieta e ridente, piena di energia; coglieva fiori, saliva per l'erto pendio senza stancarsi, agile come un camoscio correva tra boschi e valli d'or. Ad Occhio della Notte diceva che era il sole a darle tutta quella forza.

Ma i giorni felici, si sa, trascorrono veloci ed ecco arrivare l'autunno con le prime malinconiche nebbie e le prime nevi sulle cime.

Nel pomeriggio di una fredda giornata giunse alla casa degli sposi un guerriero straniero, amico di Occhio della Notte. I due uomini parlarono a lungo in disparte e Soreghina fu presa dalla curiosità di ascoltare i loro discorsi. Così si avvicinò alla porta della loro stanza e sentì le parole che sottovoce Occhio della Notte rivolgeva all'amico: egli si sentiva legato a Soreghina da devota ed eterna riconoscenza, ma portava sempre indelebile nel cuore l'immagine di Dolasilla, la principessa guerriera fiera e affascinante sul suo cavallo bianco.

Era già notte fonda quando l'amico se ne andò ed Occhio della Notte cominciò ad essere preso dal rimorso per il suo sentimento nascosto, che si traduceva in un tradimento verso la sua dolce Soreghina. Allora, pentito della sua mancanza di lealtà, volle andare a vedere la sua sposa che sicuramente dormiva profondamente, come sempre, nel cuore della notte. Ma mentre aprì la porta, Soreghina, che si era appoggiata per ascoltare senza curarsi del passare del tempo, gli cadde tra le braccia senza vita.

Come la brina fredda e crudele uccide un fiore, così nelle tenebre era giunta silenziosa la cupa mezzanotte, aveva sorpreso Soreghina ancora sveglia e, secondo la profezia, aveva spento quell'anima luminosa. E non valsero a riportarla in vita le grida di dolore di Occhio della Notte che le chiedeva disperatamente perdono.

Così si conclude la storia, bella e triste, di Soreghina, la figlia del sol.

(E tante grazie a Carlo Felice Wolffche che l'ha tramandata).

 

Ottorino Castagna

 

Aggiornato il: 02 gennaio 2014