Tu scendi dalle stelle

Corali Unite "Val Panaro" - Via San Geminiano, 316 - 41052 - Guiglia (MODENA) - ITALY - Tel. 059.989.223 - Fax 178.22.77.904

 

Home
Il coro
Decalogo...
Il Barocco
Tosti, F.P.
Arturo Toscanini
Psicologia e tecnica...
La musica popolare
Adeste fideles
Adeste fideles
Tu scendi dalle stelle
Stille nacht
La montanara
Fratelli d'Italia
Storia della Musica

 

Tu scendi dalle stelle

Il canto “Tu scendi dalle stelle” è forse il piu' celebre dei canti natalizi della tradizione italiana. Questo brano fa sì pensare al Natale, quelli trascorsi all'asilo o, al massimo, ai primi anni delle elementari: insomma, qualcosa che ci riporta ai sapori della nostra infanzia (a cui fa riferimento anche il suo testo: “...caro eletto pargoletto...”), ad aspettare trepidanti l’arrivo della notte Santa. Persino Giuseppe Verdi asseriva che il Natale non sarebbe piu' Natale senza i versi e la melodia di questo famosa pastorale.

La melodia è tratta da un famosissimo canto seicentesco napoletano attribuito dalla tradizione popolare a Sant'Alfonso Maria de' Liguori (“Quanno nascette Ninno”) e il testo è adattato in lingua italiana.

  Sant'Alfonso Maria de' Liguori (1696-1787)

Sant'Alfonso Maria de' Liguori nacque a Marianella (NA) il 27 settembre 1696 da Giuseppe che comandava le galere reali e da Anna Cavaliere. S. Alfonso, primo di sette figli, ricevette un'educazione pari a quella dell'èlite di quel tempo che frequentava la corte napoletana, pertanto compì in casa gli studi letterari e scientifici, nei quali ebbero la loro parte rilevante anche la pittura e la musica.

Nel 1708 fu ammesso all'Università di Napoli alla facoltà di giurisprudenza all'università di Napoli, dopo aver sostenuto e superato un esame di idoneità con Gianbattista Vico. Concluse gli studi laureandosi in "utroque iure", appena sedicenne, con quattro anni di anticipo sull'età richiesta dalle leggi del tempo. Faceva pratica presso gli studi dei più importanti avvocati del tempo e, dopo dieci anni di memorabili successi come avvocato nel foro napoletano, a causa di una violenta delusione morale (1723) dovuta a interferenze politiche in una causa dai grandi risvolti sociali, si accese in lui la vocazione alla carità. Da quel giorno si dedicò sempre più intensamente alle opere pie.

S. Alfonso, la cui famiglia abitava a fianco al palazzo Sanfelice, fu ordinato sacerdote il 21 dicembre 1726, e fino al 1729 continuò ad abitare nella casa di famiglia, prestando nella parrocchia dei Vergini gran parte della sua opera pastorale, prima presso i Padri della Missione e infine nel Collegio dei Cinesi, aperto nel 1729 dal missionario Matteo Ripa. Fu proprio nel borgo dei vergini che Alfonso aprì le prime cappelle serotine. Il 9 novembre del 1732 fondò un istituto missionario, i redentoristi.

Osservando la miseria di tante anime, non riusciva a darsi pace né si concedeva riposo. Si portava dovunque: nei paesi intorno al Vesuvio, lungo la costa amalfitana, nelle sparute e dimenticate contrade di campagna lungo gli Appennini della Puglia e della Calabria, dove il clero locale, pur numeroso, rifiutava di andare.
La salvezza di quelle anime era la sua idea dominante, l'elemento catalizzatore di tutte le sue energie e delle straordinarie doti intellettuali. E per rendere la sua opera più profonda e duratura, e per giungere con la sua azione di salvezza anche dove non poteva arrivare con la voce, e per andare oltre il tempo della sua esistenza terrena ed oltre gli spazi - troppo ristretti per il suo zelo evangelico - del Regno di Napoli, fondò; un istituto essenzialmente missionario e si diede, con altrettanto entusiasmo, all'apostolato della penna.
Come scrittore, sant'Alfonso è popolarissimo. Pubblicò centoundici opere tra grandi e piccole. Alcune di esse hanno raggiunto centinaia di edizioni in gran parte delle lingue del mondo. Quelle di ascetica e di spiritualità si ristampano continuamente ancora oggi: Uniformità alla volontà di Dio, Modo di conversare continuamente e alla familiare con Dio, Pratica di amare Gesù Cristo, Visite al Ss. Sacramento e a Maria santissima, Meditazioni sulla Passione di Nostro Signore Gesù Cristo, Glorie di Maria, Massime eterne, Necessità della preghiera.
Nel 1748 stampava la sua THEOLOGIA MORALIS, l'opera per la quale il papa Leone XIII lo definì "il più insigne e il più mite dei moralisti".

Nel 1754 il santo si trovava a Nola ospite presso don Michele Zambardelli quando compose “Quanno nascette ninno” (melodia di “Tu scendi dalle stelle”), ma fu data alle stampe solo l'anno successivo. Sant'Alfonso scrisse di getto su un pezzo di carta le note del canto, eseguendole poi al clavicordo destando la meraviglia dello stesso don Michele che gli chiese di poter copiare a sua volta la canzone.
Nonostante il divieto posto dal santo che ne considerava prioritaria la stampa, il sacerdote, approfittando dell'assenza
del Santo, impegnato in chiesa per una predica, sali' nella sua stanza e ricopio' il manoscritto, mise il foglio in tasca e scese nel coro. Non aveva fatto i conti, pero' con la straordinaria capacita' di visione e profezia di Sant'Alfonso, il quale, fingendo di non ricordare la successione dei versi mentre insegnava la sera la canzone ai fedeli, mando' un chierico da don Michele a chiedere il foglio che egli custodiva tanto gelosamente nella sua tasca.

Nel 1762 Alfonso fu eletto vescovo di Sant'Agata dei Goti (Benevento). Ma dopo 13 anni dovette rinunciarvi a causa dell'artrite deformante.

Come fondatore Alfonso de Liguori sta continuando ancora oggi la sua missione di annunciatore della salvezza attraverso gli oltre 5.600 discepoli (i missionari redentoristi) in oltre 60 paesi dei cinque continenti.
La Congregazione del SS. Redentore, da lui fondata a Scala (Salerno) il 9 novembre 1732, ha lo scopo di "continuare l'esempio del nostro Salvatore Gesù Cristo in predicare alle anime più abbandonate, specialmente ai poveri, la divina parola". E si impegna a raggiungere questa finalità prima di tutto con le missioni popolari e con la predicazione degli esercizi spirituali. All'occorrenza i congregati accettano la predicazione in terre straniere, particolarmente in quelle del terzo mondo (i Redentoristi italiani hanno aperto, già da alcuni decenni, una missione in Paraguay e una in Madagascar). Anche se raramente essi si fanno carico dell'insegnamento nelle scuole e della cura di parrocchie.
Canonizzato nel 1839, fu dichiarato dottore della Chiesa nel 1871, patrono dei confessori e dei moralisti nel 1950.
Alla sua scuola, i Redentoristi sono incamminati sulla via della perfezione e della santità. E i frutti, dopo circa 270 anni di vita, sono veramente abbondanti avendo dato alla Chiesa santi, beati, venerabili e servi di Dio. Si ricordano, insieme al Fondatore, san Gerardo Maiella, san Clemente Maria Hofbauer, san Giovanni Neumann, il beato Pietro Donders, il beato Gennaro M. Sarnelli, il beato Francesco Saverio Seelos. 

Nel 1972 la Nuova Compagnia di Canto Popolare incise una versione del brano “Quanno nascette ninno” nell'album "Cicerenella". Il testo qui riportato è molto più lungo di quello presente nel disco della NCCP.

 

 "QUANNO NASCETTE NINNO"
Quanno nascette Ninno,
quanno nascette Ninno a Betlemme,
era notte e pareva miezojuorno...
Maje le stelle,
lustre e belle,
se vedèttero accussí
e 'a cchiù lucente,
jette a chiammá li Magge a ll'Uriente.
Maje le stelle, lustre e belle,
se vedèttero accussí
Se vedèttero accussí

 

De pressa se scetajeno
de pressa se scetajeno ll'aucielle
cantanno de na forma tutta nova:
Pe' nsi' 'agrille,
co' li strille,
e zompanno 'a ccá e 'a llá:
- E' nato! E' nato! -
- decévano - lo Dio che nce ha criato! -
Pe' nsi' 'agrille, co li strille
e zompanno 'a ccá e 'a llá
E zompanno 'a ccá e 'a llá

 

Co' tutto ch'era vierno,
co' tutto ch'era vierno, Ninno bello,
nascettero a migliara rose e sciure
Pe' nsi' 'o ffieno,
sicco e tuosto,
ca fuje puosto sott'a te,
se 'nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette

Pe' nsí' 'o ffieno,
sicco e tuosto,
ca fuje puosto sott'a te,
se 'nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette


A no paese che,
a no paese che se chiamma Ngadde,
sciurettero le vvigne e ascette ll'uva.
Ninno mio sapuretiello,
rappusciello d'uva si' tu
ca, tutt'ammore,
faje doce 'a vocca e po' 'mbriache 'e core!
Ninno mio sapuretiello,
rappusciello d'uva si' tu
ca, tutt'ammore,
faje doce 'a vocca e po' 'mbriache 'e core!

 

Non c'erano nemice
non c'erano nemice pe' la terra:
La pecora pasceva co' 'o lione
Co''o capretto, se vedette
'o liupardo pazzeá
Ll'urzo e 'o vetiello
e, co' lo lupo, 'mpace 'o pecoriello.
Co' 'o capretto,
'o liupardo pazzeá
Ll'urzo e 'o vetiello
e, co' lo lupo, 'mpace 'o pecoriello.

 

S'arrevotaje 'nsomma
s'arrevotaje 'nsomma tutt''o munno:
lo cielo, 'a terra, 'o mare e tutt''e ggente
Chi dormeva, se senteva
'mpiett''o core pazzeá
pe' la prejezza;
E se sonnava pace e contentezza
Chi dormeva, se senteva
'mpiett''o core pazzeá
pe' la prejezza;
E se sonnava pace e contentezza

 

Guardavano le ppecore,
guardavano le ppecore, 'e Pasture
E n'Angelo, sbrennente cchiù d''o sole,
Comparette e lle decette:
- No ve spaventate, no!
Contento e riso!
la terra è addeventata Paraviso!
Comparette e lle decette:
- No ve spaventate, no!
Contento e riso!
la terra è addeventata Paraviso!

 

 A vuje è nato ogge,
A vuje è nato ogge, a Bettalemme,
d''o munno, ll'aspettato Sarvatore...
Dint''e panne 'o trovarrite,
non potite maje sgarrá, arravogliato
e dint'a lu Presebbio corecato
Dint''e panne 'o trovarrite,
non potite maje sgarrá, arravogliato
e dint'a lu Presebbio corecato

 

A meliune ll'Angiule
a meliune ll'Angiule calaro...
co' chiste se mettettero a cantare;
- Gloria a Dio, pace 'nterra
Nu' cchiù guerra...è nato giá
lo rre d'ammore
che dá prejezza e pace a ogne core
- Gloria a Dio, pace 'nterra
Nu' cchiù guerra...è nato giá
lo rre d'ammore
che dá prejezza e pace a ogne core

 

 Sbatteva 'o core 'mpietto
sbatteva 'o core 'mpietto a sti Pasture
e ll'uno po' deceva 'nfacci'a ll'ato:
- Ché tardammo? priesto, jammo
ca mme sento ascevolí
pe' lo golío
ca tengo de vedé stu Ninno Dio!
- Ché tardammo? priesto, jammo
ca mme sento ascevolí
pe' lo golío
ca tengo de vedé stu Ninno Dio!

 

Zompanno comm'a ciévere
zompanno comm'a ciévere ferute,
jettero li pasture a la capanna
Llá trovajeno a Maria
co' Giusepe e 'a Gioja mia
e 'nchillo Viso
provajeno no muorzo 'e Paraviso
Llá trovajeno a Maria
co' Giusepe e 'a Gioja mia
e 'nchillo Viso
provajeno no muorzo 'e Paraviso

 

Restajeno 'ncantate
restajeno 'ncantate e voccapierte
pe' tantu tiempo senza di' parola...
po' jettanno, lacremanno,
no sospiro pe' sfogá...
da dint''o core,
cacciajeno, a migliara, atte d'ammore.
Po' jettanno, lacremanno,
no sospiro pe' sfogá...
da dint''o core,
cacciajeno, a migliara, atte d'ammore.

 

C''a scusa de donare
c''a scusa de donare li presiente
se jettero azzeccanno chiano chiano...
Ninno no' li rifiutaje
ll'azzettaje, comm'a che,
po' lle mettette
la mano 'ncapa e li benedicette
Ninno no' li rifiutaje
ll'azzettaje, comm'a che,
po' lle mettette
la mano 'ncapa e li benedicette

 

Piglianno confedenzia
piglianno confedenzia a poco a poco,
cercajeno lecenzia a la Madonna
Se magnajeno li pedille
co vasille, 'mprimma e po'
chelle mmanelle
a ll'urdemo, lo musso e 'e mascarielle
Se magnajeno li pedille
co vasille, 'mprimma e po'
chelle mmanelle
a ll'urdemo, lo musso e 'e mascarielle

 

Po' assieme se mettettero
po' assieme se mettettero a sonare
e a cantá co' ll'Angiule e Maria
co' na voce, accossí doce,
ca Gesù facette: Aaaah - há...
e po' chiudette
chill'uocchie aggraziate e s'addurmette.
Co' na voce, accossí doce,
ca Gesù facette: Aaaah - há...
e po' chiudette
chill'uocchie aggraziate e s'addurmette.

 

La nonna che cantajeno
la nonna che cantajeno a me mme pare
ch'avett''a èsse' chella ca mo dico:
Ma 'nfrattanto io la canto,
'mmaggenateve de stá
co li pasture
vicino a Ninno bello vuje pure
Ma 'nfrattanto io la canto,
'mmaggenateve de stá
co li pasture
vicino a Ninno bello vuje pure

 

Viene suonno da lu cielo,
viene adduorme a sto Nennillo
pe' pietá ch'è piccerillo,
viene suonno e nun tardá.
Gioja bella de sto core,
vorría suonno addeventare,
doce doce pe' te fare
st'uocchie belle addormentá   

Ma si Tu, p'essere amato,
Te si' fatto Bammeniello
Sulo Ammore è 'o sonnariello
che dormire te pò fá
Ment'è chesto puó' fá nonna
pe' te st'arma è arza e bona
T'amo t'a...Uh, 'sta canzona
giá t'ha fatto addobbecá!
T'amo Dio, bello mio
t'amo Gioja, t'amo, t'a'

 

Cantanno po' e sonanno
cantanno po' e sonanno, li Pasture,
tornajeno a le mantre n'ata vota:
ma che vuó' che cchiù arrecietto
non trovajeno 'int'a lo pietto
a 'o caro Bene,
facevano ogne poco 'o va' e biene
ma che vuó' che cchiù arrecietto
non trovajeno 'int'a lo pietto
a 'o caro Bene,
facevano ogne poco 'o va' e biene   

Lo 'nfierno solamente
lo 'nfierno solamente e 'e peccature
'ncocciuse comm'a isso e ostinate
se mettettero appaura,
pecché a 'o scuro vonno stá
li spurtagliune,
fujenno da lu sole, li briccune
se mettettero appaura,
pecché a 'o scuro vonno stá
li spurtagliune,
fujenno da lu sole, li briccune 

 

Io pure sóngo niro
io pure sóngo niro peccatore
ma non boglio èsse' cuoccio e ostinato
Io non boglio cchiù peccare
voglio amare, voglio stá
co' Ninno bello
comme nce sta lo voje e ll'aseniello
Io non boglio cchiù peccare
voglio amare, voglio stá
co' Ninno bello
comme nce sta lo voje e ll'aseniello 

 

Nennillo mio Tu si'
Nennillo mio Tu si' sole d'ammore!
Faje luce e scarfe pure 'o peccatore
Quanno è tutto niro e brutto
comm'a pece, tanno cchiù
lo tiene mente
e 'o faje addeventá bello e sbrennente
Quanno è tutto niro e brutto
comm'a pece, tanno cchiù
lo tiene mente
e 'o faje addeventá bello e sbrennente 

 

Ma tu mme diciarraje
ma tu mme diciarraje ca chiagniste
acciò chiagnesse pure 'o peccatore!
Aggio tuorto! Ahje! fosse muorto
n'ora primma de peccá!
Tu mm'haje amato
e io, pe' paga, t'aggio maltrattato
Aggio tuorto! Ahje! fosse muorto
n'ora primma de peccá!
Tu mm'haje amato

e io, pe' paga, t'aggio maltrattato   

E vuje uocchie mieje
e vuje uocchie mieje, doje fontane
avit''a fá, de lacreme, chiagnenno
pe' lavare,
pe' scarfare,
li pedille de Giesù
chisá, placato,
decesse: "Via, ca t'aggio perdonato!"
pe' lavare,
pe' scarfare,
li pedille de Giesù
chisá, placato,
decesse: "Via, ca t'aggio perdonato!" 

 

Viato a me si aggio
viato a me si aggio 'sta fortuna!
Che maje potesse cchiù desiderare?
O Maria,
speranza mia
mentr'io chiagno, prega tu;
penza ca pure
si' fatta mamma de li peccature.
O Maria,
speranza mia
mentr'io chiagno, prega tu;
penza ca pure
si' fatta mamma de li peccature.

 

Massimo Pizzirani

 

Aggiornato il: 02 gennaio 2014